NEWS
mercoledì 18 ottobre 2017 ore 16:30
S. Luca Evangelista
IL GIORNALE IN EDICOLA
SUDMILANO
Furti in casa
Peschiera, calci e pugni al carabiniere per fuggire
12 agosto 2017

Butta a terra un carabiniere per scappare. Solo così, usando la violenza, due topi d’appartamento sono riusciti a fuggire dopo che avevano tentato un furto in un appartamento a Peschiera.

Un furto che doveva essere facile, da mettere a segno nella notte tra giovedì e venerdì in uno dei tanti appartamenti lasciati vuoti dai proprietari in vacanza. Così a bersaglio è stato preso un palazzo in via della Liberazione.

Un alloggio al primo piano. I ladri, evidentemente, pensavano di poter agire indisturbati, confidando nel fatto che alle 2 anche i vicini fossero a letto. Ma al piano superiore si sono accorti dei rumori. Hanno visto due persone, mentre tentavano di introdursi nell’abitazione sottostante e hanno immediatamente contattato il “112”. Sul posto sono state dirottate le pattuglie della stazione di Peschiera e a supporto gli altri reparti.

Quando la prima pattuglia è intervenuta sul posto, i ladri se la sono data a gambe per far perdere le loro tracce, nonostante non fossero riusciti a prendere niente dall’appartamento. Coraggiosamente un carabiniere ha tentato di bloccare uno dei due fuggiaschi, che l’ha aggredito, con calci e pugni, riuscendo a dileguarsi insieme al complice.

I due malviventi sono scappati a piedi verso i giardini, dileguandosi, probabilmente approfittando della sponda di un terzo complice. È presumibile che siano fuggiti in auto verso Milano, ma le ricerche successive non hanno dato alcun risultato.

Fortunatamente nulla di grave per il carabiniere ferito, che si sottoporrà ad accertamenti medici per le lesioni subite. Le indagini sono tuttora in corso.

Nella notte precedente un altro furto è stato sventato, sempre a Peschiera, in un’azienda di logistica, grazie all’intervento tempestivo degli equipaggi della compagnia di San Donato.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
7 commenti.
miriam 14 agosto 2017 19:02
un augurio al coraggioso Carabiniere.... :)
gianki64 13 agosto 2017 20:29
Se non cambiano le vigenti leggi Carabinieri e Polizia continueranno a portare l'arma di ordinanza nella fondina senza poterla utilizzare. Qui si tratta di aggressione. Un ogiva nel calcagno di quel malvivente non faceva peçcato
viro59 12 agosto 2017 18:59
la celebre frase: "fermo o sparo!" dev'essere seguita dallo sparo, al fuggiasco, per fermarlo definitivamente! vi garantisco che gli altri complici del "fermato" ci pensano 2 volte prima di aggredire i Carabinieri!
xenon 12 agosto 2017 18:21
Se non aveva nulla di grave, il carabiniere poteva sparare.
Putin 12 agosto 2017 13:04
Peccato che non siano riusciti a gonfiarlo come una zampogna e poi buttarlo in pasto ai pesci del laghetto azzurro
Druido 12 agosto 2017 12:58
La pistola che hanno nel fodero a cosa serve? È solo ornamentale? O hanno giustamente paura che i Giudici incriminino loro?
Trattorino86 12 agosto 2017 10:53
Sparate alle gambe.