NEWS
mercoledì 20 settembre 2017 ore 18:19
Ss. Andrea Kim e compagni
IL GIORNALE IN EDICOLA
SUDMILANO
le rive cedono
Adda, tra Merlino e Comazzo una centrale al posto della camminata sulle cascate
13 settembre 2017

La camminata sulle cascate dell’Adda? Sparita. Uno splendido scorcio immerso nella natura tra Merlino, Spino e Comazzo non c’è più. È perso irreparabilmente: al suo posto c’è una centrale elettrica, la seconda a breve distanza sulla sponda opposta del fiume (l’altra si trova a Zelo). Ma quello che rende maggiormente evidente i danni del cemento, è il cedimento di una riva, che seppur avvenuto a maggio, in quattro mesi non ha portato a interventi di ripristino. Anzi, lo scenario è addirittura peggiore: alle porte della centrale c’è una voragine e le sponde continuano a erodersi. Si vede un canalone completamente inondati dalle acque. E il fiume rischia di spazzare via tutto. La società che opera nell’alveo si è impegnata ad eseguire i lavori in autunno.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
3 commenti.
severino 14 settembre 2017 11:00
per tutti gli spinesi che si ricordano "buchi" è veramente triste vedere come l'hanno ridotto.
cementificano tutto, progettano lavori fatti male, sempre con molta superficialità e una miopia pazzesca, non riescono a vedere più in là del profitto e del brevissimo termine... che società che stiamo lasciando ai posteri. sempre più brutta e alienante.
aveva ragione celentano con le sue canzoni...
peter25 14 settembre 2017 08:11
Abbiamo non so quanti enti e istituzioni pronte a multare pescatori o chi raccoglie un legno secco, dove sono ?
Luciano56 13 settembre 2017 23:04
Direi che è il periodo migliore. Poche piogge, niente piene,lavori eseguiti a regola d'arte.