NEWS
venerdì 20 ottobre 2017 ore 12:52
S. Maria Bertilla Boscardin
IL GIORNALE IN EDICOLA
SUDMILANO
Mediglia
Bruciavano le auto dei loro capi alla Mapei: denunciati due operai
3 ottobre 2017

Due operai della Mapei di Robbiano di Medaglia sono stati indagati dai carabinieri per tre danneggiamenti a seguito di incendio di altrettante auto di proprietà dei propri capo turno e capo reparto. Sono M.D., di 35 anni, e G.M., di 53, quest’ultimo già condannato in passato per associazione mafiosa. Gli investigatori sono arrivati a loro indagando sul cold case del 24enne Carmine Carratù, ucciso nel 1992 da due killer ‘ndranghetisti per uno sgarro commesso dal giovane nei confronti di un boss dell’epoca. Intercettazioni e analisi dei contatti hanno condotto ai due operai (totalmente estranei alla vicenda dell’omicidio) e a una serie di episodi inquietanti, tra cui alcuni pestaggi e incendi dolosi. Sembra infatti che i due dipendenti (ora rinviati a giudizio per tre casi) avessero l’abitudine di rispondere con azioni violente alle richieste dei capi di concentrarsi sul lavoro.

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
2 commenti.
Rampa 03 ottobre 2017 21:30
Ma dai poverini, i sindacalisti riusciranno a non farli licenziare, in cambio di presenza alle sfilate nei cortei con la bandiera rossa della pace.....
xenon 03 ottobre 2017 18:24
Spero che questi due idioti non debbano mai più concentrarsi sul lavoro, anche se i capi essendo stressati dalla direzione, debbono a volta comportarsi come non vorrebbero.