NEWS
venerdì 20 ottobre 2017 ore 16:21
S. Maria Bertilla Boscardin
IL GIORNALE IN EDICOLA
DIALETTO
Il dialetto
Me ŝénor el n’à purtàd un “catafìghi”
6 settembre 2017

Sta vòlta vöri cüntàu del me giardìn, perché gh’i da savè che gh’é un mistüròs de piànte e fiùri d’ ògni generasiòn. L’è un po’ giardìn e un po’ frutéto; nel pràto gh’è èrbe de mìla qualità, da quèla fìna, al trifuìn, a la gramégna; inséma i van d’acòrdi e i fan ‘na varietà de culùri che s’na véd pòchi in gir. I prìmi àni sèrom a bot a mundà l’èrba màta, pö ém lasàd pèrd perché l’èra un laurà da dì no. A la fin le tànte qualità i èn diventàde amìŝe e i ciàmun tànti fiurelìn per fas cumpagnìa: margherìte, viòle, ugìn d’la Madòna, ranuncòli e àltri. Tüti inséma i èn ‘na belèsa da dì no, un quàdor natüràl. Mistüràd a ròŝe e geràni, gh’è un ciliégio selvàdogh che in primavéra l’è un spetàcul cùi so fiùri ròŝa, pecàd ch’ì dürun poch perché de sòlit, dòpu quàlche dì ch’l’è fiurìd, végn sü un ventòn ch’i a sparpàia dapertüt. Gh’avarésun da véd: tüt el pràto e la stràda i èn un tapét ròŝa. Pö gh’è un prùnus ch’èl fà di brugnòn gròsi e dùlsi; gh’è un gèlso pendénte ch’èl par un sàlos, el se riempìs de muròn ch’i vegnun mangiàdi supratüt dài üŝéi; gh’è la forsìstia (mi la ciàmi insì, so no el so num giüst) ch’l’è la prìma a fiurì e la divénta giàlda ‘me na pulénta. Gh’è un ulìvo ch’la fài le olìve apéna un an, dòpu l’è diventàd ŝmòrbi. Gh’è un pum granìn vècc, ma amò in gàmba, i so fiùri rùssi i métun alegrìa e i so früti i èn ‘na buntà ànca se l’è un laurà mangiài: l’è tüt un sgagnà e spüdà. Davànti a la finèstra d’la cüŝìna gh’è un figh grand, bèl, rigugliùŝ ch’èl fà di fìghi ch’i èn ‘na buntà: dùlsi, carnùŝi, pulpùŝi. Riesìvom no a catài tüti perché tànti i èn trop in alt, adès p’rò me ŝénor el n’à purtàd un “catafìghi”. L’è un bastòn lungh lungh cun in sìma un sachét circundàd da làme; le làme i tàiun i raméti e i fìghi i càscun nel sachét. L’à dì ch’ l’è un po’ ch’la cerchèva perché el se ricurdèva de quèl che ghèva so papà da picinìn; finalmént l’à truàd e adès el me om el càta i fìghi, ànca quèi in alt, sénsa fadìga e cun divertimént. Gràsie, Enrico, te sè pròpi garbàd, ànca el “catafìghi” l’è ‘ndài a destanà! Gh’ò ànca vàŝi de fiùri e èrbe ‘rumàtiche, piànte gràsse, càctus ch’i bütun “urgiòn” sémpor püssè gròssi. A dì la verità, el me giardìn el par uno zoo vegetàl. El me piàŝ insì. Cambién disùrs: in chi dì chi fiöi e neùdi i èn tüti in vacànsa, chi al mar, chi in muntàgna, quaidün fürevìa. S’pöd no stagh adré a tüti. Alùra ò imparàd a druà WhatsApp e, sül grüp d’la famìglia, fém girà i salüdi, le nutìsie e le futugrafìe de ‘dùe sém e ‘sa fém. Che bèla truàda! Avarési mài pensàd de ‘nnamuràm de WhatsApp invéce el drövi a bras. Védi e partécipi a tüt quèl ch’i fan lur e son pròpi sudisfàda d’avè imparàd. A la sìra son quàŝi stràca tàme s’ avarési giràd tüt el dì ànca mi. Dò la bunanòt a tüti e m’endurménti chiéta perché i me pàrun no insì luntàna. Ò pruàd ‘na preocupasiòn da dì no quand gh’è stài l’atentàto a Barcellona perché me fiöl Marco cun la so famìglia e di amìŝi i èn stài a Barcellona quàtor dì e in èn vegnüdi vìa da lì pròpi el dì prìma. Ànca se sèvi ch’ i èrun partìdi, me son stermìda nel pensà al perìcul ch’i èvun pasàd. El n’à telefunàd sübot per rasicuràn a vuŝ e pö, gràsie a WhatsApp, el n’à mandàd d’le futugrafìe nel post ‘ndùe i èrun rivàdi. Ò pudüd véd cùi me òci ch’i stèvun bén e ch’ i èrun luntàna dal perìcul. Veramént s’è mài luntàna dal perìcul perché pürtrop i atentàti i pödun capità dapertüt; fin a quànd i èn ‘rivàdi a cà me son no chietàda. Son partìda in alegrìa culuràda cun le piànte e i fiùri del me giardìn e son finìda in tànta tristèsa cul terorìŝmo ch’ à masàd e ferìd tànta gént. Vivém in un témp cumplicàd e difìcil, ‘ndùe la viulénsa la par diventàda la padrùna del mund e di òmi. Adès vò a d’acquà el roŝmarìn. Na càti un ramét, el so prufüm el me ciàpa quàŝi tàme l’incénso in Céŝa. Me chiéti!

MIO GENERO MI HA PORTATO UN “COGLIFICO” (traduzione letterale)
Questa volta voglio raccontarvi del mio giardino, perché dovete sapere che è un miscuglio di piante e fiori d’ogni generazione. E’ un po’ giardino e un po’ frutteto; nel prato ci sono erbe di mille qualità, da quella fine, al trifoglino, alla gramigna; insieme vanno d’accordo e fanno una varietà di colori che se ne vedono pochi in giro. I primi anni eravamo indaffarati a mondare l’erba matta, poi abbiamo lasciato perdere perché era un lavoro da non dire. Alla fine le tante qualità sono diventate amiche e chiamano tanti fiorellini per far compagnia: margherite, viole, occhietti della Madonna, ranuncoli e altri. Tutti insieme sono una bellezza da non dire, un quadro naturale. Mescolato a rose e gerani, c’è un ciliegio selvatico che in primavera è uno spettacolo coi suoi fiori rosa, peccato che durino poco perché di solito, dopo qualche giorno che è fiorito, viene un ventone che li sparpaglia dappertutto. Dovreste veder: tutto il prato e la strada sono un tappeto rosa. Poi c’è un prunus che fa delle prugnone grosse e dolci; c’è un gelso pendente che sembra un salice, si riempie di more che vengono mangiate soprattutto dagli uccelli; c’è la forsistia (io la chiamo così, non so il suo nome esatto) che è la prima a fiorire e diventa gialla come la polenta. C’è un ulivo che ha fatto le olive solo un anno, dopo è diventato sterile. C’è un melograno vecchio, ma ancora in gamba, i suoi fiori rossi mettono allegria e i suoi frutti sono una bontà anche se è un lavoro mangiarli: è tutto un mordere e sputare. Davanti alla finestra della cucina c’è un fico grande, bello, rigoglioso che fa dei fichi che sono una bontà: dolci, carnosi, polposi. Non riuscivamo a coglierli tutti perché tanti erano troppo in alto, adesso però mio genero ci ha portato il “coglifichi”. E’ un bastone lungo lungo con in cima un sacchetto circondato da lame; le lame tagliano i rametti e i fichi cadono nel sacchetto. Ha detto che è un po’ che lo cercava perché si ricordava di quello che aveva suo papà quando era bambino; finalmente l’ha trovato e adesso mio marito coglie i fichi anche quelli in alto senza fatica e con divertimento. Grazie, Enrico, sei proprio garbato, anche il “coglifichi” è andato a stanare. Ho anche vasi di fiori e erbe aromatiche, piante grasse, cactus che germogliano “orecchioni” sempre più grossi. A dire la verità, il mio giardino sembra uno zoo vegetale. Mi piace così. Cambiamo discorso: in questi giorni figli e nipoti sono tutti in vacanza, chi al mare, chi in montagna, qualcuno all’estero. Non si può stare dietro a tutti. Allora ho imparato a usare WhatsApp e, sul gruppo famiglia, facciamo girare i saluti, le notizie e le fotografie di dove siamo e cosa facciamo. Che bella trovata! Non avrei mai pensato d’innamorarmi di WhatsApp invece lo uso molto. Vedo e partecipo a tutto quello che fanno loro e sono proprio soddisfatta di aver imparato. Alla sera sono quasi stanca come se avessi girato tutto il giorno. Do la buonanotte a tutti e mi addormento quieta perché non mi sembrano così lontano. Ho provato una preoccupazione da non dire quando c’è stato l’attentato a Barcellona perché mio figlio Marco con la sua famiglia e degli amici sono stati a Barcellona quattro giorni ed erano venuti via da lì proprio il giorno prima. Anche se sapevo che erano partiti, mi sono spaventata nel pensare al pericolo che avevano passato. Ci ha telefonato subito per rassicurarci a voce e poi, grazie a WhatsApp, ci ha mandato delle fotografie nel posto in cui erano arrivati. Ho potuto vedere coi miei occhi che stavano bene e che erano lontani dal pericolo. Veramente non si è mai lontani dal pericolo perché, purtroppo, gli attentati possono capitare dappertutto; fino a quando sono arrivati a casa non mi sono tranquillizzata. Sono partita in allegria colorata con le piante e i fiori del mio giardino e sono finita con tanta tristezza col terrorismo che ha ucciso e ferito molta gente. Viviamo in un tempo complicato e difficile, dove la violenza sembra diventata la padrona del mondo e degli uomini. Adesso vado ad innaffiare il rosmarino. Ne colgo un rametto, il suo profumo mi prende quasi come l’incenso in Chiesa. Mi rassereno.

Maddalena Negri, Casalpusterlengo

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
Nessun commento da visualizzare