NEWS
lunedì 23 ottobre 2017 ore 22:24
S. Giovanni da Capestrano
IL GIORNALE IN EDICOLA
LETTERE
Vaccini
Alle elementari di Livraga sono rimasti fermi al medioevo
22 settembre 2017

Io ho 2 figli, uno frequenta le elementari a Livraga, l’altro va a scuola a Lodi ed in questo periodo, noi genitori, dobbiamo confrontarci con la nuova legge scuola/vaccini. Mi spiegate perché ogni scuola applica la legge a sua discrezione? Per la scuola di Lodi ho guardato il sito dell’istituto, ho scaricato ed inviato via mail un’autocertificazione; il tutto è stato facile e veloce, tempo impiegato: 30 minuti. Credo di fare altrettanto con l’altro figlio ma.... Vado sul sito dell’istituto di Livraga e mi sembra di essere sbalzata in un altro mondo, sito «old style» sembra di tornare indietro di vent’anni, alcune parti non sono accessibili da smartphone ma solo da PC, finalmente trovo quello che mi interessa ma non trovo il modulo corretto per l’autocertificazione, allora chiamo la scuola per info, ma dicono di chiamare solo in alcuni orari. Il giorno dopo richiamo in quegli orari ma l’addetto sta facendo sportello e non risponde al telefono, ma qualche informazione la carpisco ugualmente da qualcuno che si riempie la bocca dicendo che «sul sito è tutto chiaramente spiegato» ( mi viene il dubbio che questa gente forse quel sito non lo abbia mai utilizzato), allora mi informo alla ASL e mi dicono che basta l’autocertificazione, io per sicurezza faccio anche le fotocopie del libretto vaccini, e mando tutto via e-mail alla scuola e il giorno dopo chiamo per verificare che sia tutto ok, riesco a parlare con «la segretaria della segretaria» che mi dice che devo comunque recarmi a scuola per firmare e così la settimana successiva prendo mezza giornata di permesso e vado, lì mi chiedono il libretto delle vaccinazioni che devono fotocopiare ed io dovrei firmare...
A questo punto il vaso è colmo: incredula ed arrabbiata me ne vado accusandoli di essere fermi al 1800!! Lo so, sarebbe bastato respirare, sedersi e spiegargli che stampando i file allegati alla mia e-mail si sarebbe «creata» una copia del tutto identica a quella che avrebbero «creato» loro con una fotocopiatrice ed io avrei potuto firmare come loro volevano, ma quando si ha a che fare con certa burocrazia ottusa e con abitudini di 100 anni fa, è difficile trovare la pazienza per spiegare che la terra é tonda! Tempo impiegato: una settimana, ed ancora non ho finito!

Veronica Riva

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
10 commenti.
scontenta 27 settembre 2017 13:24
avevo notato che la scuola non considera che ci sono lavoratori impegnati 8 ore più magari il pendolarismo ,chi lavora a Milano ad esempio quante ore si assenta?
Pierino 27 settembre 2017 10:04
mi sembra di leggere populismo tra le righe
Fender 25 settembre 2017 15:08
Io ricordo bene chi si bullava dicendo che i soldi del ponte sullo stretto li avrebbe destinati alla "buona scuola"... naturalmente, come per tutto il resto, hanno distrutto il buono e costruito con il nulla! ah ah ah
biancabalena 25 settembre 2017 14:39
Boffy mi chiedo se tu lavori e quante ore al giorno. Perchè se come in tante famiglie, si lavora in due e si è fuori casa dalla mattina alla sera, ti assicuro che è difficile darsi una calmata di fronte a queste situazioni. Alla scuola di mia figlia 2 ore di riunione (sabato mattina buttato) per leggere la normativa (già presente sul sito)...e non è ancora chiaro se la documentazione consegnata è quella giusta. E chi non è in regola va comunque a scuola, che è tenuta solo a segnalare all'ASL le irregolarità. Che in una situazione normale dovrebbe già saperle.
Sudedos 24 settembre 2017 16:32
Boffy ma sei seria? Con quello che paghiamo di servizi,asl e scuola dovrebbero interagire tra di loro e comunicare chi è vaccinato e chi no senza dover disturbare i cittadini. Già che ci coinvolgono che ci rendano almeno le cose facili
everlast 23 settembre 2017 18:13
Capito come funzia? Non sono gli altri al medioevo sei tu troppo avanti! Ridicoli, ma non avete vergogna a fare certe affermazioni!? Vi rendete conto di intralciare chi può-sà o vuole usare mezzi moderni più veloci e soprattutto che permettano di non perdere pomeriggi di lavoro per incombenze del genere? Ancora per lavoro c'è chi mi chiede di mandargli un fax!!!!! Non l'ho mai usato neppure quando era in decadenza, meglio una e-mail no? Se volete restare al ciclostile va bene, contenti voi che avete tanto tempo da buttare, ma per moltissimi altri PURTROPPO il tempo è sempre poco e la tecnologia può e deve aiutare moltissimo!
scontenta 23 settembre 2017 12:48
non sono le mamme che si devono calmare ma le scuole che devono adeguarsi
non si può vivere e lavorare in modo anacronistico dentro una bolla
il personale delle scuole è composto da lavoratori che devono avere diritti, doveri, capacità pari agli altri lavoratori
magari anche conoscenze superiori, visto che trattano i bambini, il futuro nostro e del paese
Boffy 22 settembre 2017 18:14
Ho avuto problemi anch'io con la scuola di mio figlio ma con pazienza sono arrivata alla conclusione. D'altronde queste disposizioni sono cambiate diverse volte e le scuole non sapevano come fare a ricevere i documenti e a parere di molti l'autocertificazione non è la soluzione migliore per dare prova delle vaccinazioni!!!
Cara mamma 'troppo avanti' datti una calmata perché se tutti i genitori facessero come te......povera scuola!!!!!
Sudedos 22 settembre 2017 14:49
Se fossero solo le scuole rimaste al medioevo sarebbe un lusso...un paese che cade a pezzi. Basta vedere la piazza
never summer 22 settembre 2017 09:26
capisco i suoi affanni, ma "chiamo la scuola per info, guardo il sito, mando tutto via email"... troppo avanti