NEWS
lunedì 23 ottobre 2017 ore 22:42
S. Giovanni da Capestrano
IL GIORNALE IN EDICOLA
LETTERE
Il caos autobus
È interesse dei sindacati avere un servizio funzionante
29 settembre 2017

Recenti articoli della stampa locale, hanno descritto i disagi e le lamentele dei genitori degli studenti a causa dei bus sovraffollati di Star e Line, dove diversi ragazzi non riescono a salire, costringendo i genitori stessi al recupero dei figli appiedati, mentre quelli a bordo viaggiano “compressi come sardine”. In particolare, un articolo del 26 settembre u.s., ha riportato un’affermazione di qualche non identificato responsabile aziendale di Line e Star che lascerebbe intendere che i disagi sarebbero in parte causati dal fatto che “ i turni di servizio sono complicati e concordati con le organizzazioni sindacali dei lavoratori”.
Non sapendo a chi è attribuita questa frase e nemmeno se come tale sia stata bene o male interpretata, da parte nostra, corre l’obbligo per alcune precisazioni.
In primo luogo, che il sovraffollamento dei bus non centra nulla con i turni di servizio che sono organizzati dagli uffici tecnici delle aziende e che il sindacato sui turni, svolge unicamente una funzione di controllo normativo, mentre nulla vieta alle aziende, di effettuare modifiche o correttivi per ovviare al problema di sovraffollamento dei bus scolastici.
È interesse del sindacato e dei lavoratori di Line e Star, avere un servizio funzionale e gradito dall’utenza, anche in maniera che gli autisti svolgano le loro mansioni in assoluta sicurezza e con la massima tutela della propria patente, quindi anche l’interesse che le aziende rafforzino il servizio laddove ve ne sia la necessità. Operazione spesso vincolata non tanto da motivi organizzativi, ma da un generale finanziamento al TPL progressivamente ridotto negli anni di cui hanno fatto le spese i lavoratori, sulla pelle dei quali spesso vengono fatti i risparmi, e sui cittadini.
Al contrario di quanto letto, spesso sono gli autisti e le OO.SS. che indicano agli uffici tecnici delle aziende eventuali alternative per la migliore e più funzionale distribuzione del carico e del servizio, ma altrettanto spesso, queste indicazioni non vengono prese in considerazione.
Conosciamo perfettamente le difficoltà economiche in cui sono costrette ad operare le aziende del TPL a causa della scarsa attenzione al settore da parte della politica ad ogni livello, nazionale, regionale e locale, ostativa ad un dignitoso livello di servizio, perciò a maggior ragione, si dovrebbe far tesoro delle indicazioni dei lavoratori e dei loro rappresentanti sindacali che vivono le situazioni di disagio ogni giorno in prima persona. Di sicuro da assoluti estranei a qualsiasi responsabilità sui disservizi di svariata natura.

Fabrizio Badagnani, Segreteria provinciale e Rsa Line e Star

®Riproduzione riservata
INVIACI IL TUO COMMENTO
Commento (non deve superare i 1500 caratteri)
I commenti vengono moderati dalla redazione
6 commenti.
jena 03 ottobre 2017 16:03
Quello che ho scritto si e' verificato puntualmente. Non sono un veggente e lzicari ha mostrato i vero lato dei sindacati, della STAR e Line. Dilettanti.
bruno59 03 ottobre 2017 12:51
I sindacati si svegliano sempre dopo...
Ma una denuncia per interruzione di pubblico servizio non la fa nessuno?
lzicari 03 ottobre 2017 09:05
A dimostrazione che vengono scritte tante belle parole, tutti hanno le proprie ragioni e come spesso succede in Italia nessuno è responsabile di un malfunzionamento di un Servizio Pubblico (tengo a sottolineare ancora una volta che le tratte interessate sono regolate da Bando di Gara rivolto ad assicurare il Servizio pubblico e che in caso di inadempimento dovrebbero esserci conseguenze pesanti!). Pertanto faccio presente che questa mattina (fatto appunto fresco e in pieno orario scolastico definitivo), il mezzo previsto da Caselle Lurani a Lodi non si è presentato! Lasciando a piedi una 40 di ragazzi che hanno dovuto arrangiarsi per raggiungere scuola. Chi ne risponde ? Forse è meglio che sia gli Enti locali, che i responsabili delle Linee Star e Line trovino in fretta una soluzione definitiva.
scontenta 02 ottobre 2017 20:16
sindacati , Star e Line sanno di una situazione pessima che perdura da anni e anni,saranno anche interessati,peccato non facciano nulla
basterebbe provassero a prendere un bus nel
l'ora di punta dei ragazzi alla stazione di Lodi!
questo e le condizioni delle scuole è ciò che riserviamo ai nuovi cittadini?
speriamo poi che il paese cambi?
jena 02 ottobre 2017 10:48
"È interesse del sindacato e dei lavoratori di Line e Star, avere un servizio funzionale e gradito dall’utenza" Ah si. Hanno visto tutti come i Sindacati si sono interessati. Da morire dal ridere.
scontenta 29 settembre 2017 13:51
sta a vedere che se i bus sono affollati la responsabilità è degli utenti
certo che se ne stessero a casa ,gi utenti, i bus sarebbero vuoti!!!
(commento ovviamente ironico)